Alla scoperta della Basilicata

Alla scoperta della Basilicata
0 Flares 0 Flares ×

La Basilicata, detta anche Lucania, denominazione ufficiale dagli anni 20 sino al ’47, è una piccola regione incastonata tra Puglia, Calabria e Campania che si affaccia su due diversi mari, il mare Ionio e il mar Tirreno. Piccola e compatta, prevalentemente montagnosa e collinare è una di quelle regioni in Italia di cui non si sente parlare spesso come se ci si dimenticasse delle bellezze naturali ed artistiche di cui è terra.

Ma questa silenziosa regione ha molto da fare scoprire, una storia complessa e fatta di dominazioni che ne hanno determinato la multi culturalità e l’architettura unica nel suo genere e impossibile da trovare in altre regioni italiane.



La sua storia si può fare risalire ai tempi del paleolitico, nell’VII secolo divenne colonia greca, periodo in cui nacque Siris e successivamente il Metaponto.

Il contatto con i romani avvenne intorno al 330 a.C, in 100 anni l’impero si estese su tutta le regione, la via Appia venne prolungata sino a Brindisi e nacquero le prime colonie di Potenza e Grumentum. Le invasioni si susseguono una dopo l’altra, bizantini, longobardi, saraceni, normanni.

Questa storia fatta di dominazioni e conquiste ha fatto sì che la Lucania diventasse terra ricca di culture ed opere architettoniche molto diverse tra di loro, tutt’oggi si possono ammirare le strutture delle case e dei palazzi a Tricarico e Tursi di ispirazione squisitamente araba uniche.

Storia di baronati, feudalesimo, dominazioni e centri culturali ed artistici fiorenti che sono tutt’oggi visitabili e tangibili per ricordare le antiche glorie tutt’ora immerse e circondate da bellezze naturali ancora non distrutte dall’uomo ma anzi preservate.

Il turismo in Basilicata si basa fondamentalmente su tre diverse categorie: viaggi storico/culturali, località balneari e montano escursionistiche. Per chi è alla ricerca di parchi, foreste e montagne la Basilicata è la regione giusta grazie ai due grandi parchi nazionali, il Pollino e il Val d’Agri, ai parchi regionali e ben sette riserve naturali. Il comprensorio del Monte Sirino è inoltre una nota località sciistica.

Per chi non vuole solo conoscere i parchi ma è alla ricerca di città, storia arte e cultura ovviamente non possiamo dimenticare di menzionare la splendida Matera la così detta città dei sassi; Pisticci, un borgo antichissimo e casa di numerose necropoli; Policoro, il vero centro della Magna Grecia così come Metaponto e Nova Siri e le città di radici romane, Venosa e Grumentum.

Gli amanti dello sport e delle attività all’aria aperta e adreanaliniche non possono perdersi il famoso volo dell’angelo sulle dolomiti lucane. Per arrivare infatti da Castelmezzano a Pietrapertosa un modo alternativo è volare da una sponda all’altra attaccati a un cavo metallico.

Per chi invece vuole solo relax e godersi il mare azzurro e cristallino, fare immersioni in una località ben collegata a tutti i principali centri storico/turistici Nova Siri è la soluzione ideale e conveniente. Tra Policoro, a poca distanza da Pisticci e Matera e nel Metaponto qui il mare è pulito e le aree turistiche ben attrezzate per accogliere ospiti soprattutto nella stagione estiva periodo in cui conviene prenotare con anticipo visto l’aumento di flusso turistico registrato negli ultimi anni.

Gli Hotel e i villaggi turistici in Basilicata sono numerosi e di ottima qualità, molti offrono pacchetti convenienti e adatti per viaggiatori solitari e famiglie. Non possiamo non concludere il post senza parlare delle delizie culinarie e gastronomiche regionali a cui è difficile resistere.

Tra i piatti tipici gli gnummarieddi, involtini con interiora di animali, la strazzata, una focaccia con origano e pepe, soppressata, salame pezzente, la lucanica – che altro non è che una salsiccia particolare e tipica della regione.

E poi formaggi tra cui il caciocavallo podolico, miele, salumi, olio d’oliva e vino di cui il più apprezzato e forse più conosciuto in tutta Italia è l’Aglianico del Vulture.

Chi ama i peperoni qui avrà l’imbarazzo della scelta, da provare i peperoni di Senise che hanno ottenuto il marchio IGP.

Una vacanza in Basilicata può trasformarsi facilmente in un viaggio a 360 gradi, i 5 sensi saranno appagati senza troppi sforzi e la mente il corpo rigenerati.

Per dirla alla latina…mes sana in corpore sano.



0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *